Francesco Coppola Castaldo

Napoli, 11 giugno 1847 – 17 agosto 1916


Pescatore a Palazzo Donn'Anna
Tempera su tela cm. 25,5 x 42 Firmato in basso a sinistra.
Anche se oggi la sua frequenza sul mercato è rara, Francesco Coppola Castaldo ebbe una carriera artistica apprezzata dai suoi contemporanei. Studiò presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli sotto la guida di Mancinelli e Morelli, si dedicò di preferenza al paesaggio che trattò a tempera con maestria. Partecipò a numerose esposizioni a Napoli, Torino, Roma, Firenze, Milano. All’Esposizione Nazionale di Napoli del 1877 presentò l’opera “San Francesco d’Assisi” che venne acquistata dal Re Vittorio Emanuele II per la Galleria di Capodimonte. Alle mostre della “Promotrice Salvator Rosa” del 1872, 1877 e 1881 i dipinti “ Un boschetto”, “Al declinare del giorno” e “Sulla riva del mare” furono acquistati dal Re Vittorio Emanuele II e dal Re Umberto I. Nell’Esposizione del 1883 la tempera “Marina” fu acquistata dal Ministero della Pubblica Istruzione. Nella mostra del 1886 espose la tempera su tela “Dopo il tramonto” acquistata dal Banco di Napoli. In quelle del 1888 e 1911 “Al tramontare del giorno” e “Marina” furono acquistati del Municipio di Napoli. Fu professore onorario presso l’Istituto di Belle Arti di Napoli e insegnante nelle scuole comunali della stessa città.